Skip Ribbon Commands
Skip to main content

Questo sito consente l’invio di cookie di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la Privacy

​​

​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​Informative

In questa sezione del sito possono essere consultate le informative rilevanti pubblicate dalla Banca​​

​ ​

  • ​​​Introduzione del “bail-in” e deg​li altri strumenti di risoluzione delle crisi bancarie​

     

    La direttiva BRRD (Bank Recovery and Resolution Directive) introduce in tutti i Paesi europei regole armonizzate per prevenire e gestire le crisi delle banche e delle imprese di investimento attraverso lo strumento di risoluzione delle crisi bancarie denominato "Bail-In". ​​​

    ​​​​

    Il bail-in (letteralmente salvataggio interno) è lo strumento che, in caso di crisi di un istituto di credito, consente alle autorità di risoluzione ( in Italia l'Unità di Risoluzione delle crisi bancarie fa capo alla Banca d'Italia) di disporre quelle attività necessarie per recuperare risorse e per assorbire le perdite e ricapitalizzare la banca in misura sufficiente a ripristinare un adeguato patrimonio e a mantenere la fiducia nel mercato ( con la riduzione del valore delle azioni e di alcuni crediti o la loro conversione in azioni). Il "bail-in" pertanto consente alla banca di operare anche in caso di crisi. ​​​​

​​



  • ​​​Introduzione della normativa sul Common Reporting Standard – CRS​

     

    La legge 18 giugno 2015, n. 95 ha introdotto all’interno dell’ordinamento italiano il Common Reporting Standard (“CRS”), considerato come il nuovo standard globale per lo scambio automatico di informazioni finanziarie tra Autorità Fiscali, elaborato dall’OCSE con l’obiettivo di individuare e scoraggiare l'evasione fiscale internazionale da parte di contribuenti che, direttamente o indirettamente, investono all’estero attraverso istituzioni finanziarie straniere.

    Questo standard mira a conseguire una maggiore trasparenza fiscale, estendendo gli obblighi di reporting di determinate informazioni finanziarie da parte degli intermediari esteri.

    La legge del 2015 contiene i primi obblighi di adeguata verifica previsti ai fini CRS, stabilendo che, a partire dal 1° gennaio 2016 le istituzioni finanziarie italiane sono tenute ad acquisire alcuni dati tra cui la residenza fiscale del titolare del conto e il codice fiscale estero, qualora rilasciato dallo Stato di residenza fiscale.

    Si basa sulla normativa statunitense FATCA e richiede agli intermediari finanziari di identificare tra la propria clientela i soggetti non residenti titolari di conti finanziari rilevanti e di segnalare determinate informazioni sugli stessi alle Autorità Fiscali locali che, a loro volta, le trasmetteranno alle Autorità Fiscali degli altri Paesi coinvolti nello scambio multilaterale di informazioni.

    Pertanto dal 1°gennaio 2016 la banca:

    • richiederà, al momento della firma di un nuovo contratto un’autocertificazione obbligatoria con l’indicazione del Paese di residenza fiscale;


    • ​​​ c​ontatterà i clienti che hanno sottoscritto contratti finanziari prima del 1° gennaio 2016 se vi sono elementi che possano far pensare a una loro residenza fiscale all’estero. Anche a questi clienti la banca chiederà l’autocertificazione per una corretta classificazione.​​
    ​​​ ​




  • ​​​​Rating di legalità​ ​​

     

    La legge n. 27 del 24/03/2012 ha attribuito all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) il compito di assegnare ​alle imprese che ne facciano richiesta un rating di legalità, al fine di promuovere l’introduzione di principi etici nei comportamenti aziendali.

    Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con Decreto n. 57 del 20/02/2014, ha disciplinato le modalità attraverso le quali le banche devono tenere conto del suddetto rating in sede di accesso al credito da parte delle imprese. In particolare, le banche devono tenere conto del rating di legalità nel processo di istruttoria ai fini di una riduzione dei tempi nonché dei costi per la concessione di finanziamenti, considerando tale rating tra le variabili utilizzate per la valutazione di accesso al credito.

    L’impresa che richiede un finanziamento e che dichiara di essere iscritta nell’elenco delle imprese in possesso di tale rating si impegna a comunicare alla banca l’eventuale revoca o sospensione del medesimo intervenuta tra la data di richiesta del finanziamento e la data di erogazione.

    Banca Reale dichiara che nel corso del 2016 non è stato segnalato dalle imprese interessate il possesso di rating di legalità ai fini della riduzione dei tempi di istruttoria e/o della determinazione delle condizioni economiche di erogazione del finanziamento.

    ​​

​ ​​


​ ​

Dove trovarci